close

  • Essere fedele alla mia Patria, la Repubblica di Polonia

     

  • ATTUALITÀ

  • 16 ottobre 2013

    ”Partenariato Orientale”: era questo il tema del seminario che le Ambasciate dei paesi membri del Gruppo di Visegrad hanno organizzato l’11 ottobre presso la sede romana della rappresentanza della Commissione Europea in Italia, nell’ambito della IV edizione del Festival della Diplomazia. Tra gli illustri ospiti Andrii Olefirov, viceministro degli Affari Esteri dell’Ucraina.

    Il Ministero degli Affari Esteri della Polonia era rappresentato dall’amb. Beata Pęksa, plenipotenziario del Ministro per il Partenariato Orientale.

     

    Tra i temi principali del seminario: i preparativi al vertice del Partenariato Orientale che si terrà a Vilnius il 28-29 novembre e la firma dell’accordo di associazione tra Ucraina e Unione Europea.

     

    Il ministro Andrii Olefirov ha parlato dei preparativi del suo paese al vertice di Vilnius. L’Ucraina sta portando avanti il processo di associazione con l’UE da relativamente poco tempo, ma è molto impegnata nell’introduzione delle riforme necessarie e cerca di mettere in atto le indicazioni dell’Unione Europea. Il Paese spera pertanto che durante il vertice di fine novembre venga firmato l’accordo di associazione con l’Unione Europea. “Contiamo anche sul fatto che simili accordi saranno siglati con Georgia e Moldavia” ha aggiunto Olefirov. Kiev ha grandi aspettative legate all’introduzione del programma di liberalizzazione dei visti (Visa Liberalisation Action Plan, VLAP) e all’integrazione economica con l’UE.

    L’amb. Beata Pęksa ha confermato nel suo discorso che sia l’UE sia i paesi del Partenariato Orientale si auspicano che durante il vertice di Vilnius venga firmato l’accordo di associazione tra Ucraina e Unione Europea e che possano essere siglati tali accordi anche con Georgia e Moldavia.

    “Il vertice sarà importante anche dal punto di vista dell’immagine del Partenariato Orientale e della sua visibilità. Sarà un’occasione per evidenziare il suo ruolo nel mondo e nella politica globale” – ha sottolineato l’amb. Pęksa. “Il vertice ci permetterà di guardare i paesi del Partenariato Orientale da un altro punto di vista”.

     

    I partecipanti hanno inoltre ricordato che il vertice sarà accompagnato da una serie di eventi collaterali, come i forum della società civica, del business e quello delle autonomie regionali e locali. Tutte iniziative che hanno un ruolo importante nella realizzazione del progetto di Partenariato Orientale.

     

    Al seminario hanno preso parte in qualità di relatori Alessandro Pignatti, vicecapo del Dipartimento Unione Europea del Ministero degli Affari Esteri italiano; Petras Zapolskas, ambasciatore della Lituania in Italia;  Petr Mares e Gábor Bródi, plenipotenziari per il Partenariato Orientale dei ministri degli affari esteri ceco e ungherese; Karla Wursterowá, direttore esecutivo del Fondo Internazionale di Visegrad.

    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale. A sinistra Andrii Olefirov, viceministro degli Affari Esteri dell’Ucraina.
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale. A sinistra Andrii Olefirov, viceministro degli Affari Esteri dell’Ucraina.
    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale.
    Roma, 11.10.2013.
Seminario sul Partenariato Orientale. Ingresso a "Spazio Europa".
    Roma, 11.10.2013. Seminario sul Partenariato Orientale. Ingresso a "Spazio Europa".

    Print Print Share: